• Start & Up

Parliamo di Poliamore



CHE COS'È IL POLIAMORE?

Il poliamore è uno stile relazionale alternativo che consiste nell’avere più di una relazione intima, sessuale o affettiva per volta con il consenso esplicito di tutti i partner attuali e potenziali. Si intende dunque un modo di amare che si distacca dalla monogamia socialmente accetta.

Il termine poliamore è un neologismo derivato dal termine inglese polyamory, parola ibrida di origine greca che letteralmente significa “molti amori. La parola polyamory è stata coniata da Morning Glory Zell-Ravenheart, che introdusse il concetto di relazione poliamorosa in un articolo del 1990 dal titolo A bouquet of lovers su Green Egg Magazine, una rivista fondata dall’autrice insieme al marito.

Il poliamore non è sinonimo di promiscuità, non riguarda il fenomeno dello swinging, non significa incapacità di impegnarsi, non è avere un harem di mogli o di mariti da collezionare, non è un tradimento consensuale ma è la consapevolezza che l’amore può prendere anche altre direzioni oltre a quella socialmente accettata.




COM'È POSSIBILE AMARE PIÙ PERSONE ALLO STESSO MODO?

La caratteristica più grande della relazione poliamorosa è l’approvazione di più amore da più fronti. L’amore poliamoroso non ha una caratteristica di esclusività o di possessività, come viene definito nella monogamia, in cui si può amare una persona alla volta, ma è potenzialmente illimitato. Infatti, amare più persone significa riuscire a distribuire l’amore in egual misura a tutti i propri partner, senza dover necessariamente escludere nessuno. Anapol, nel suo libro “Polyamory – the new love without limits”, definisce il poliamore come uno stile d’amore che nasce dalla considerazione che quest’ultimo non può essere costretto a scorrere e non può percorrere una direzione particolare. Dunque, l’amore così considerato è aperto e libero da convenzioni sociali che lo limitano e come un agente attivo con un potenziale di crescita illimitata. In realtà, la chiave non sta nel chiedersi se sia possibile amare due persone contemporaneamente, ma se questo ci rende felici e rende felici anche i nostri partner. Nel caso dell’amore plurimo, nel quale c’è il consenso di tutte le parti, la felicità è possibile.




PERCHÉ LA GENTE HA COSÌ PAURA?

Nell’immaginario comune, una storia d’amore presenta due caratteristiche: è diadica ed eteronormativa, ovvero un ragazzo incontra una ragazza, si innamora e stanno insieme per molto tempo. Questa concezione è rafforzata anche dai media come film, pubblicità, canzoni o letteratura popolare e rappresenta una visione considerata coerente, naturale, stabile, universale e monolitica; in questo modo, coloro che si posizionano al di fuori di essa vanno incontro al rischio che la propria relazione possa essere considerata problematica e ghettizzata dalla società, poiché vista come anomala ed immorale. Così ci si nega la possibilità di esprimere e vivere liberamente la propria affettività e sessualità. Lo stesso accade con le relazioni LGBT+, spesso considerate come una minaccia verso la cultura eterosessuale.



LA RELAZIONE POLIAMOROSA NON PER FORZA DEVE ESSERE COLLEGATA CON IL BDSM, VERO?

Assolutamente no, anche se il movimento BDSM ha contribuito alla formazione del movimento poliamoroso che è emerso infatti dall’incontro di vari movimenti sociali e dalle esigenze di emancipazione sessuale. Possiamo individuare tre movimenti principali: -il movimento femminista: ha criticato l’istituzione matrimoniale riferita principalmente all’istituzione della proprietà della donna agli uomini, dando luogo a valori che sono stati in seguito integrati del poliamore come l’intimità, l’onesta, l’uguaglianza, la non esclusività e l’autonomia relazionale; -la cultura omosessuale e bisessuale: ha sviluppato comportamenti sessuali e intimi che si distaccano da una cultura eteronomativa; -sottoculture nate intorno al BDSM: hanno fornito ulteriori spazi per il gioco erotico e pratiche sessuali al di là della cultura di coppia. Il poliamore è sorto dalla confluenza di alcune emancipazioni sessuali e, per tale motivo, ora si sta sviluppando andando a crearsi una maggiore identità, una guida etica ed un linguaggio propri.



UNA PERSONA CHE NON SA SCEGLIERE È POLIAMOROSA?

Una persona poliamorosa non è indecisa e non vive in una indecisione continua, al contrario, vive l’amore senza limiti. Ricordiamo che il poliamore è uno stile relazionale alternativo alla monogamia in cui sono presenti più relazioni affettive-intime-erotiche e sessuali contemporaneamente. È fondamentale in una relazioni poliamorosa il consenso da parte di tutti i partner coinvolti, quindi tutti devono essere informati e consapevoli sul tipo di relazione iniziata. Questo comporta molta flessibilità e grandi abilità per la gestione dei propri partner: doti comunicative, capacità di negoziazione, consapevolezza dei propri limiti e delle proprie emozioni, capacità di gestire la gelosia, apertura mentale e capacità di ascolto attivo.




Se volete approfondire di più il tema del poliamore

andate a leggere l'intervista che abbiamo fatto a Polycarenze

QUI troverai l'intervista

Nelle nostre storie su Istagram

troverete anche molti consigli e informazioni per conoscere meglio l'argomento

clicca qui



Troverete molti contenuti e informazioni sul sito

Poliamore Italia








38 visualizzazioni
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now